Brave heart alla scotta dito

vorrei qui denunciare la bocciatura, senza infamia e senza lode, della mia mozione: matrimonio in alta uniforme scozzese! avevo ricevuto anche il sostegno di 5 sottoscrittori e invece, la Destra dopo un sorriso abbozzato e un sì stiracchiato in presenza dei miei nuovi compagni di clan, tornati nell’intimità dell’abitacolo, sotto un cielo plumbeo e asfittico, mi comunica la sua netta contrarietà e la totale impossibilità per noi clanici di indossare fieramente i nostri colori…sigh!

niente kilt, nessuna nota strozzata di cornamusa, nessun scorcio di scrotali curve all’orizzonte…penso a William Wallace, lui sì che avrebbe dato anche la vita per sposarsi clanicamente…

Aggiorniamoci

Hey guys! I preparativi continuano, fassinianamente dico al telefono: “Abbiamo una cucina, e pure una camera da letto”.  Tra ricerche di mercato, eventi, vita di Palazzo e di partito riusciamo ad inserire un tassello dietro l’altro senza stress e senza sbattimenti…eggià Vicchia e Destra riescono anche in questo.

Special thanks to ex Baffo di ghisa che in barba a tutti gli imbianchini e muratori di Roma ha fatto da solo in una settimana quello che ci hanno detto avrebbe richiesto una squadra di due, tre persone e almeno due settimane di lavoro.

Qui si continua a ridere, mancano 42 giorni, ma vorremmo che mancassero solo 42 minuti!

A proposito di Noi, del 18/12 e delle varie considerazioni:

“Non è difficile capirlo quando se ne abbia l’esperienza: una zebra è inconcepibile per chi conosce soltanto gli asini”.

tratto da Il libro dell’inquietudine di Bernardo Soares, Fernando Pessoa

18/12/1865

Il mio amico decide di incatenarsi proprio il 18 dicembre.

Il 18 dicembre 1865 veniva abolita la schiavitù negli Stati Uniti.

Massimiliano Cavallo